Un’occasione per la vita

A Montanaro il 20/21/22 agosto si sono svolti gli esercizi spirituali presso le suore di Montanaro che gentilmente li aprono anche a noi laici. Come da diversi anni sono condotti da Padre Antonello Erminio che con la sua consueta semplicità e concretezza cerca di far scaturire nel cuore dei partecipanti un fervore nuovo nella vita spirituale di ognuno di noi.

La sua preoccupazione principale, infatti, non è quella di ampliare le nostre conoscenze (cosa di per sé, secondo me già ottima) ma quella di rinsaldarci nella fede. Compito direi non facile, perché le nostre vite sono invischiate in mille preoccupazioni, difficoltà, distrazioni di ogni tipo che ci impediscono spesso di mettere in primo piano la nostra vita spirituale. La nostra fede ha bisogno di rinvigorirsi e sentiamo il bisogno di abbandonarci al Principio che ci ha voluti. Per fare questo è importante la presenza di amici, di persone con le quali condividere questo bisogno di verità, di senso, di tensione verso Dio e insieme rinsaldarci nel nostro cammino di fede.

 In questo tempo di crisi, in cui l’uomo spesso si identifica con ciò che produce con le sue mani, abbiamo bisogno di scoprire che la nostra vita tende verso una meta più alta, i nostri desideri più profondi non si esauriscono con ciò che possediamo ma ci portano ad un bisogno interiore di scoprire qual è il fondamento per cui vale la pena vivere.

Il tema di quest’anno: “Generare vita nuova in tempo di crisi “è stato sviluppato avendo come riferimento l’approfondimento della Parola di Dio presente nella prima  lettera di San Giovanni.

La lettera senza dubbio è una  risposta ad alcune eresie che minacciavano l’integrità della fede nelle comunità di Efeso. Ma essa è soprattutto una profonda riflessione sulla vita del credente valida non solo allora, quasi duemila anni fa, ma anche oggi … dove  Dio sembra essere morto, soppiantato da una spropositata cultura dell’Io.

Da questa lettera dobbiamo in primo luogo far nostro il messaggio che Dio è Amore, che Dio è vita, che Dio mi ama e se io esisto è proprio perché Dio vuole farmi sentire il suo amore, vuole che io possa stringermi a lui e usare la mia libertà o per rifiutare il suo amore, o per dirgli “Ti voglio bene”. L’infinito amore del Padre però non possiamo capirlo se non capiamo l’Incarnazione del Figlio.

“Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. (Gv 3,16).

Ciò che il cristiano crede e annuncia non è semplicemente un’idea o una rivelazione dottrinale, né un’esperienza spirituale chiusa nella sua  coscienza: è un fatto storico constatabile perché accaduto visibilmente nel mondo. E’ proprio questa la bellezza del Cristianesimo che Dio ha generato il Figlio!…e nonostante tutte le nostre  difficoltà e cadute dobbiamo cercare di vivere come Cristo il legame d’amore con il Padre

Gesù è storia che non si cancella e che ha reso visibile il mistero di Dio, vedendo Gesù si vede Dio che si reso incontrabile attraverso la comunione con quelli che hanno la stessa fede.

La fede in Gesù non solo vince il “mondo”, il male e la morte, ma offre ad ogni uomo il dono della “vita eterna”, con la sua morte in croce prende su di sé tutto il male del mondo per renderci capaci di vivere il bene, la pace, l’amore verso i fratelli.

La lettera di Giovanni è davvero un testo fondamentale per noi credenti, dobbiamo infatti imparare a leggere, a meditare e pregare  la parola di Dio per gustare la gioia di essere rinvigoriti nella fede e sollecitati a vivere la carità fraterna; solo amando si può giungere alla comunione con Dio e con i fratelli e così conoscere quel “Dio” che è amore.

Amare Dio senza amare Cristo è impossibile: vorrebbe dire dissolvere la sua umanizzazione in Gesù. E amare Cristo senza amare Dio è pure impossibile, perché il Figlio è l’immagine visibile del Padre. Ma è altrettanto impossibile amare Dio senza amare i fratelli, perché essi sono i suoi figli, da lui generati e amati.

La certezza dell’amore di Dio per ognuno di noi deve riempirci di gioia, di entusiasmo ed è allora che sentiremo il bisogno di riversare sui fratelli l’amore che gratuitamente abbiamo ricevuto, se davvero ogni cristiano facesse così … le nostre comunità sarebbero sicuramente più vive, più gioiose e più autentiche.

Mille altre riflessioni sulla Prima Lettera di Giovanni  ci ha offerto Padre Antonello in questo corso di esercizi ……

Sento il bisogno di ringraziarlo per avermi aiutata a risvegliare e a rinvigorire la mia  fede … Sono davvero meravigliata per la semplicità e concretezza di linguaggio che solitamente usa nelle sue meditazioni … è per me esempio da imitare nella catechesi!

Robertilla Vivian

Pubblicato in Esercizi Spirituali, Iniziative

News

L'ultimo saluto alla maestra d'Asilo

Suor Gabriella Brossa (Francesca) aveva 23 anni quando rispose alla chiamata del Signore che la invitava a donare la sua vita a Lui, per un servizio di amore al prossimo. Nata a Cavour il 9 giugno 19[...]

La Scuola felice

settembre 2021[...]

No stop preghiera per ...

Papa Francesco chiede che tutta la Chiesa, nel mese di maggio, possa invocare l’intercessione della Beata Vergine Maria per la fine della pandemia e la ripresa delle attività sociali e lavorat[...]

Gentile Visitatore, il sito richiede di accettare i cookies per scopi legati a prestazioni, social media e annunci pubblicitari. I cookies di terze parti per social media e a scopo pubblicitario vengono utilizzati per offrire funzionalità social, annunci pubblicitari personalizzati e profilazione. Per ulteriori informazioni prema il pulsante "ulteriori informazioni". Potrà sempre modificare le sue preferenze accedendo alla sezione "Impostazioni cookies" del Suo browser.Per i dettagli completi, consulti la Politica sulla privacy e sui cookies

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi